22.06.2024 Italia
850 giorno dall'invasione barbarica dell'Ucraina

Il nuovo governo della Nuova Zelanda sotto la guida di Luxon ha prestato giuramento

Christopher Luxon è entrato in carica come Primo Ministro della Nuova Zelanda insieme ai principali membri della coalizione, promettendo significativi cambiamenti nella politica del paese

Oleksandr Budariev
Christopher Luxon
Christopher Luxon / Foto: twitter.com/chrisluxonmp

In Nuova Zelanda si è recentemente verificato un significativo cambiamento politico con l'ufficiale insediamento del nuovo gabinetto ministeriale, guidato da Christopher Luxon, leader del Partito Nazionale del paese e ex leader dell'opposizione.

Luxon, insieme ad altri membri chiave del suo team politico, inclusi David Seymour del partito ACT New Zealand e Winston Peters del partito "New Zealand First", hanno prestato giuramento per le loro nuove cariche.

Peters, secondo gli accordi di coalizione, è stato nominato vice primo ministro per i primi 18 mesi, dopo i quali il suo posto sarà preso da Seymour.

La formazione del nuovo governo è il risultato di lunghe negoziazioni e accordi tra il Partito Nazionale della Nuova Zelanda, il partito populista NZ First e il partito libertario ACT New Zealand.

Queste negoziazioni sono seguite alle elezioni parlamentari, che si sono tenute a metà ottobre e in cui il Partito Nazionale sotto la guida di Luxon ha ottenuto il 38% dei voti, assicurandosi la leadership tra tutte le forze politiche partecipanti.

Nel nuovo governo saranno implementate modifiche nella politica economica e sociale, inclusa la riduzione dell'uso della lingua Maori e la revisione delle misure affermative.

Luxon ha anche annunciato piani per modificare la politica monetaria e annullare alcune restrizioni ambientali introdotte dal governo precedente.

Particolare attenzione è dedicata alla riduzione delle tasse per sostenere i cittadini della classe media. Inoltre, è prevista una revisione della legislazione sulle armi e la formazione di nuovi poliziotti.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Partecipanti al Vertice di pace in Svizzera

Al vertice in Svizzera si è discusso dei percorsi verso la pace in Ucraina, si è confermata l'adesione al diritto internazionale e si è fatto appello alla navigazione sicura e al rilascio dei prigionieri di guerra.

Fuoco

Nella città polacca di Skarżysko-Kamienna si è verificata un'esplosione nello stabilimento Mesko, che ha causato un incendio. Un lavoratore è morto e un altro è rimasto ferito. È stata avviata un'indagine.

Proteste in Armenia

In Armenia sono iniziate proteste di massa a causa del trasferimento di quattro villaggi di confine all'Azerbaigian. La popolazione chiede le dimissioni del primo ministro Nikol Pashinyan.

Soldato AFU

Le Forze Armate dell'Ucraina (AFU) hanno respinto con successo gli attacchi nemici in diverse direzioni, subendo perdite minime e distruggendo una quantità significativa di equipaggiamenti e personale nemico.

chat
14
Ipermercato Epicentro distrutto a Kharkiv

A Kharkiv, è stato spento un grande incendio nell'"Epicentro" dopo un attacco russo. 12 persone sono morte, 16 risultano disperse, 43 sono ferite.