22.06.2024 Italia
850 giorno dall'invasione barbarica dell'Ucraina

Maduro ha firmato decreti sull'annessione di Essequibo, che appartiene alla Guyana

Il presidente del Venezuela Nicolas Maduro ha annunciato l'inclusione della controversa regione di Essequibo nel territorio nazionale, causando forte tensione nella regione

Oleksandr Budariev
Nicolas Maduro
Nicolas Maduro / Eneas De Troya, CC BY 2.0 DEED

Nicolas Maduro, presidente del Venezuela, venerdì ha annunciato l'inclusione della regione di Essequibo, appartenente alla Guyana, nel territorio del Venezuela.

Lo ha fatto firmando decreti, come ha riferito sui social media. Maduro ha chiamato al sostegno di questa decisione da parte del popolo e delle forze armate venezuelane.

In precedenza, il 7 dicembre, Maduro aveva ordinato il rilascio di licenze per l'estrazione di minerali in Essequibo e aveva proposto una legge per l'annessione di questa regione al Venezuela.

Ciò ha provocato una reazione da parte della Guyana, che ha messo le sue forze armate in stato di allerta elevata.

A sua volta, il Venezuela ha annunciato la creazione di un nuovo stato in questo territorio e ha presentato una mappa del paese che include Essequibo.

Il Brasile, alla luce di questi eventi, ha annunciato il dispiegamento delle sue truppe lungo il confine con il Venezuela.

Conflitto con una storia di 200 anni

Il conflitto intorno alla regione di Essequibo, la maggior parte della quale è coperta da giungle impenetrabili, continua da più di due secoli.

Questa area, che si estende su circa 160 mila chilometri quadrati a ovest del fiume Essequibo, costituisce circa tre quarti del territorio della Guyana.

La situazione si è aggravata dopo la scoperta nel 2015 in Essequibo di significative riserve di minerali, incluso il petrolio. Nell'autunno del 2023 è stato fatto un "significativo ritrovamento" di un nuovo giacimento nel territorio conteso.

A dicembre in Venezuela si è tenuto un referendum sull'annessione di Essequibo al paese. I risultati del plebiscito hanno mostrato che quasi il 96% della popolazione venezuelana ha sostenuto questa decisione.

Il presidente Maduro ha caratterizzato i risultati del referendum come "l'inizio di una nuova fase storica nella lotta per i diritti su ciò che ci appartiene". Ha dichiarato: "Il popolo venezuelano ha espresso la sua volontà apertamente e chiaramente, e questa vittoria appartiene al popolo del Venezuela".

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Partecipanti al Vertice di pace in Svizzera

Al vertice in Svizzera si è discusso dei percorsi verso la pace in Ucraina, si è confermata l'adesione al diritto internazionale e si è fatto appello alla navigazione sicura e al rilascio dei prigionieri di guerra.

Fuoco

Nella città polacca di Skarżysko-Kamienna si è verificata un'esplosione nello stabilimento Mesko, che ha causato un incendio. Un lavoratore è morto e un altro è rimasto ferito. È stata avviata un'indagine.

Proteste in Armenia

In Armenia sono iniziate proteste di massa a causa del trasferimento di quattro villaggi di confine all'Azerbaigian. La popolazione chiede le dimissioni del primo ministro Nikol Pashinyan.

Ipermercato Epicentro distrutto a Kharkiv

A Kharkiv, è stato spento un grande incendio nell'"Epicentro" dopo un attacco russo. 12 persone sono morte, 16 risultano disperse, 43 sono ferite.

Soldato AFU

Le Forze Armate dell'Ucraina (AFU) hanno respinto con successo gli attacchi nemici in diverse direzioni, subendo perdite minime e distruggendo una quantità significativa di equipaggiamenti e personale nemico.

chat
14