22.06.2024 Italia
850 giorno dall'invasione barbarica dell'Ucraina

La Banca Centrale Norvegese alza il tasso all'4,5%, quella Svizzera lo mantiene all'1,75%

La Banca Centrale Norvegese aumenta il tasso di interesse di 25 punti base, mentre la Banca Centrale Svizzera mantiene il tasso al 1,75%

Oleksandr Budariev

Decisione della Banca Centrale della Norvegia

Giovedì 14 dicembre, nell'ultima riunione, la Banca Centrale Norvegese ha deciso di aumentare il tasso di interesse principale dello 0,25%, portandolo al 4,5% annuo, riferisce "Interfax-Ucraina".

Questa decisione contraddice le aspettative degli analisti interpellati da Trading Economics, che prevedevano il mantenimento del tasso al livello precedente del 4,25%.

I rappresentanti della banca centrale hanno spiegato questo aumento come necessario per contenere un periodo prolungato di alta inflazione, sebbene abbiano riconosciuto un rallentamento della crescita economica.

Si prevede che il tasso sarà mantenuto al 4,5% nel prossimo futuro.

In Norvegia si osserva un'accelerazione dell'inflazione: a novembre ha raggiunto il 4,8%, mentre a ottobre era del 4%.

Decisione della Banca Nazionale Svizzera

Lo stesso giorno, la Banca Nazionale Svizzera (SNB) ha lasciato il suo tasso chiave invariato al 1,75% durante la sua riunione. Questa è la seconda riunione consecutiva in cui la SNB ha deciso di non cambiare il tasso, considerando un certo allentamento della pressione inflazionistica.

La direzione della SNB ha sottolineato che continueranno a monitorare attentamente l'inflazione e, se necessario, regoleranno la politica monetaria.

In Svizzera l'inflazione è rallentata all'1,4% a novembre, il livello più basso dal ottobre 2021. Le previsioni della SNB per il 2023 prevedono un tasso di inflazione medio del 2,1%, nel 2024 del 1,9% e nel 2025 dell'1,6%. È anche prevista una crescita del PIL svizzero dell'1% nel 2023 e dello 0,5-1% nel 2024.

In termini valutari, la corona norvegese si è rafforzata: è aumentata dello 0,7% rispetto al dollaro USA e dell'1,9% rispetto all'euro alle ore 13:00. Il franco svizzero, a sua volta, si è leggermente rafforzato contro il dollaro dello 0,1%, ma ha perso lo 0,2% rispetto all'euro.


Commenti
Leggi anche
Quotazioni di mercato

Nonostante il calo del PMI in Italia e nel Regno Unito, gli indici azionari europei hanno chiuso la giornata in rialzo, grazie ai cambiamenti positivi in altri paesi e alle aspettative di tagli dei tassi della BCE.

Grafico dei tassi di cambio

Il dollaro USA si è rafforzato nei confronti dell'euro e della sterlina in vista delle aspettative della Fed, stabile rispetto allo yen; l'indice DXY è in crescita

Oro

I prezzi dell'oro hanno superato i $2400 per oncia, la crescita continuerà a causa dei rischi geopolitici

Joachim Nagel

Joachim Nagel prevede una riduzione del tasso di interesse chiave della BCE a giugno, nonostante i rischi per l'euro

Crescita degli indici azionari

I mercati azionari europei crescono in attesa di tre tagli ai tassi della Federal Reserve degli Stati Uniti quest'anno, Stoxx 600 sale dello 0,6%