22.06.2024 Italia
850 giorno dall'invasione barbarica dell'Ucraina

Trionfo della tecnologia: come il cacciatorpediniere missilistico americano USS Carney ha sconfitto i droni kamikaze

Il cacciatorpediniere americano ha abbattuto con successo 14 droni kamikaze lanciati dagli Huthi dello Yemen, garantendo la sicurezza nella regione

Oleksandr Budariev
Cacciatorpediniere missilistico americano USS Carney
Cacciatorpediniere missilistico americano USS Carney / Commander, U.S. Naval Forces Europe-Africa/U.S. 6th Fleet, PDM 1.0 DEED

La mattina del 16 dicembre, nelle acque del Mar Rosso, il cacciatorpediniere missilistico americano USS Carney ha respinto con successo un attacco di droni.

Come riportato dal Comando Centrale delle Forze Armate degli Stati Uniti, la nave ha contrastato l'aggressione aerea messa in atto dagli Huthi dello Yemen, che hanno scagliato contro di essa un'ondata di quattordici droni kamikaze.

Il comando militare statunitense ha specificato che il cacciatorpediniere USS Carney, appartenente alla classe "Arleigh Burke" e dislocato nel Mar Rosso, ha distrutto con successo tutti i droni nemici lanciati.

I droni d'attacco, secondo le valutazioni degli esperti, avevano una direzionalità unilaterale. Questo ha permesso al cacciatorpediniere di affrontare efficacemente la minaccia, senza subire danni e senza vittime tra il personale.

I rappresentanti del Comando Centrale hanno sottolineato l'assenza di vittime e hanno precisato che gli alleati degli Stati Uniti nella regione del Mar Rosso sono stati tempestivamente informati sulla potenziale minaccia e sulle misure intraprese per neutralizzarla.

Gli Huthi in Yemen, sostenuti dall'Iran, hanno lanciato una serie di attacchi contro le navi nel Mar Rosso, uno dei corsi d'acqua più trafficati al mondo, rappresentando una significativa minaccia per il commercio internazionale e la sicurezza della navigazione.

In precedenza, il ministro della difesa britannico Grant Shapps ha riferito sul social network "X" del successo nell'uso del missile Sea Viper dal portaerei HMS Diamond per distruggere un drone diretto contro la navigazione commerciale. Questo evento è stato il primo caso registrato di abbattimento di un bersaglio aereo da parte della Royal Navy britannica dal conflitto persiano del 1991.

HMS Diamond
HMS Diamond / Defence Imagery, CC BY-SA 2.0 DEED

Shapps ha espresso preoccupazione per gli attacchi degli Huthi dello Yemen alle navi mercantili, sottolineando che tali azioni rappresentano una seria minaccia al commercio mondiale e alla sicurezza marittima. Ha anche dichiarato l'impegno del Regno Unito a proteggere la libertà del commercio mondiale e a prevenire attacchi simili.

Per rafforzare la sicurezza nella regione, HMS Diamond è stata inviata due settimane fa come parte degli sforzi internazionali di contenimento, unendosi alle forze degli Stati Uniti, della Francia e di altri paesi.

Questo non è stato un incidente isolato. In precedenza, USS Carney ha risposto ai segnali di soccorso da navi mercantili che erano state attaccate. Durante queste operazioni, il cacciatorpediniere ha abbattuto ulteriori droni e missili come parte delle sue attività difensive.

Gli attacchi frequenti degli Huthi nel Mar Rosso hanno suscitato seria preoccupazione tra le compagnie di navigazione mondiali.

Alcune di esse, come la compagnia di trasporto container francese CMA CGM Group, hanno ordinato alle proprie navi di interrompere il traffico attraverso il Mar Rosso fino a nuovo avviso. Questa decisione riflette il rischio aumentato in questa arteria commerciale mondiale chiave.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Partecipanti al Vertice di pace in Svizzera

Al vertice in Svizzera si è discusso dei percorsi verso la pace in Ucraina, si è confermata l'adesione al diritto internazionale e si è fatto appello alla navigazione sicura e al rilascio dei prigionieri di guerra.

Fuoco

Nella città polacca di Skarżysko-Kamienna si è verificata un'esplosione nello stabilimento Mesko, che ha causato un incendio. Un lavoratore è morto e un altro è rimasto ferito. È stata avviata un'indagine.

Proteste in Armenia

In Armenia sono iniziate proteste di massa a causa del trasferimento di quattro villaggi di confine all'Azerbaigian. La popolazione chiede le dimissioni del primo ministro Nikol Pashinyan.

Ipermercato Epicentro distrutto a Kharkiv

A Kharkiv, è stato spento un grande incendio nell'"Epicentro" dopo un attacco russo. 12 persone sono morte, 16 risultano disperse, 43 sono ferite.

Soldato AFU

Le Forze Armate dell'Ucraina (AFU) hanno respinto con successo gli attacchi nemici in diverse direzioni, subendo perdite minime e distruggendo una quantità significativa di equipaggiamenti e personale nemico.

chat
14