22.06.2024 Italia
850 giorno dall'invasione barbarica dell'Ucraina

L'Armenia vuole controllare autonomamente il confine all'aeroporto di Zvartnots

Il Primo Ministro dell'Armenia Pashinyan ha annunciato l'intenzione di prendere il controllo delle verifiche di frontiera all'aeroporto di Zvartnots, precedentemente gestite dalle truppe di confine russe

Oleksandr Budariev
Primo Ministro dell'Armenia Nikol Pashinyan
Primo Ministro dell'Armenia Nikol Pashinyan / OSCE Parliamentary Assembly, CC BY-SA 2.0 DEED

In conferenza stampa, Nikol Pashinyan, che ricopre la carica di Primo Ministro dell'Armenia, ha espresso il desiderio del paese di assumere il pieno controllo delle verifiche di frontiera all'aeroporto internazionale di Erevan Zvartnots, precedentemente svolte in collaborazione con la Russia.

In questo contesto, le autorità armene hanno inviato una lettera ufficiale alle truppe di confine russe, esprimendo gratitudine per la lunga collaborazione, l'assistenza nella sicurezza e il contributo allo sviluppo del controllo di frontiera dall'ottenimento dell'indipendenza dell'Armenia.

Pashinyan ha sottolineato che, grazie allo sviluppo delle istituzioni statali e all'esperienza acquisita, l'Armenia è pronta a garantire autonomamente il controllo al confine all'aeroporto di Zvartnots.

Precedentemente, in un incontro a Monaco, Nikol Pashinyan e Ilham Aliyev hanno concordato su misure per ridurre le tensioni e demarcare i confini tra Armenia e Azerbaigian.

Inoltre, nell'ambito di un'iniziativa umanitaria, al confine, Armenia e Azerbaigian hanno effettuato uno scambio di prigionieri, facendo ritornare a casa 32 soldati armeni e due azeri.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Partecipanti al Vertice di pace in Svizzera

Al vertice in Svizzera si è discusso dei percorsi verso la pace in Ucraina, si è confermata l'adesione al diritto internazionale e si è fatto appello alla navigazione sicura e al rilascio dei prigionieri di guerra.

Fuoco

Nella città polacca di Skarżysko-Kamienna si è verificata un'esplosione nello stabilimento Mesko, che ha causato un incendio. Un lavoratore è morto e un altro è rimasto ferito. È stata avviata un'indagine.

Proteste in Armenia

In Armenia sono iniziate proteste di massa a causa del trasferimento di quattro villaggi di confine all'Azerbaigian. La popolazione chiede le dimissioni del primo ministro Nikol Pashinyan.

Ipermercato Epicentro distrutto a Kharkiv

A Kharkiv, è stato spento un grande incendio nell'"Epicentro" dopo un attacco russo. 12 persone sono morte, 16 risultano disperse, 43 sono ferite.

Soldato AFU

Le Forze Armate dell'Ucraina (AFU) hanno respinto con successo gli attacchi nemici in diverse direzioni, subendo perdite minime e distruggendo una quantità significativa di equipaggiamenti e personale nemico.

chat
14