22.06.2024 Italia
850 giorno dall'invasione barbarica dell'Ucraina

I tassi negli USA potrebbero non tornare al livello pre-pandemia - Yellen

Janet Yellen dubita del ritorno dei tassi di interesse negli USA ai livelli pre-pandemici a causa dell'inflazione e dell'aumento della redditività dei titoli di stato

Oleksandr Budariev
Ministro delle Finanze degli USA Janet Yellen
Ministro delle Finanze degli USA Janet Yellen / Federalreserve, Public domain

Il Ministro delle Finanze degli USA, Janet Yellen, ritiene improbabile il ritorno dei tassi di interesse di mercato ai livelli osservati prima dell'inizio della pandemia di COVID-19, che ha causato un'impennata dell'inflazione e un aumento della redditività dei titoli di stato, riporta "Interfax-Ucraina".

In una conversazione con i giornalisti, ha spiegato che le previsioni recentemente pubblicate dalla Casa Bianca riflettono alte aspettative sui tassi di interesse per i prossimi anni, basate sull'analisi delle attuali tendenze di mercato e sulle previsioni del settore privato.

Questo è confermato dalla dinamica della redditività dei titoli di stato USA a 10 anni, che, a partire da ottobre dello scorso anno, ha superato il 5% dopo un aggressivo aumento dei tassi da parte del Sistema di Riserva Federale per combattere l'inflazione e attualmente si attesta poco sotto il 4,2%.

Gli esperti continuano a dibattere se i tassi a lungo termine torneranno al livello pre-pandemia o rimarranno su un livello elevato.

Nel bilancio per l'anno fiscale 2025 è prevista una redditività media dei titoli di stato a 10 anni del 4,4%, significativamente superiore alla previsione del 3,6% fatta l'anno precedente.

Si prevede che ciò aumenterà il deficit di bilancio complessivo e i livelli di debito pubblico, con un progetto di spesa di $890 miliardi, o il 3,1% del PIL, per le spese di interesse nette quest'anno.

In precedenza abbiamo scritto che i prezzi dell'oro e dell'argento hanno mostrato un significativo aumento, con l'oro che si avvicina al suo massimo storico e l'argento che ha raggiunto il punto più alto dell'ultimo mese. L'oro ha aumentato il suo valore dello 0,5%, mentre l'argento è cresciuto del 2,6%. Questo aumento dei prezzi dei metalli preziosi è dovuto al calo del valore del dollaro USA e alle crescenti aspettative di inflazione.

Inoltre, il Dipartimento dell'Energia degli USA ha aumentato la sua previsione sul prezzo del petrolio Brent di 5 dollari al barile per gli anni 2024-2025 a causa del prolungamento dei tagli alla produzione introdotti dall'OPEC+.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Quotazioni di mercato

Nonostante il calo del PMI in Italia e nel Regno Unito, gli indici azionari europei hanno chiuso la giornata in rialzo, grazie ai cambiamenti positivi in altri paesi e alle aspettative di tagli dei tassi della BCE.

Grafico dei tassi di cambio

Il dollaro USA si è rafforzato nei confronti dell'euro e della sterlina in vista delle aspettative della Fed, stabile rispetto allo yen; l'indice DXY è in crescita

Oro

I prezzi dell'oro hanno superato i $2400 per oncia, la crescita continuerà a causa dei rischi geopolitici

Joachim Nagel

Joachim Nagel prevede una riduzione del tasso di interesse chiave della BCE a giugno, nonostante i rischi per l'euro

David Petraeus

Secondo il generale Petraeus, l'Ucraina è in grado di fermare l'offensiva russa e iniziare un contrattacco a condizione di ricevere assistenza militare dagli Stati Uniti