15.06.2024

Pedro Sánchez proporrà al parlamento spagnolo di riconoscere lo stato di Palestina

Il Primo Ministro spagnolo Pedro Sánchez ha annunciato un'iniziativa per il riconoscimento della Palestina, al fine di favorire la pace tra Israele e Palestina

Oleksandr Budariev
Il Primo Ministro spagnolo Pedro Sánchez
Il Primo Ministro spagnolo Pedro Sánchez / FinnishGovernment, CC BY 2.0 DEED

In una conferenza dedicata alla protezione dei diritti umani a Bilbao, il capo del governo spagnolo Pedro Sánchez ha espresso l'intenzione di rivolgersi al parlamento nazionale con la proposta di riconoscere ufficialmente la Palestina.

Questa dichiarazione, secondo Sánchez, è motivata non solo da considerazioni morali e dal desiderio di giustizia, ma anche dalla visione di questo passo come chiave per la convivenza pacifica tra Israele e Palestina.

Sánchez ha tracciato paralleli tra il sostegno della Spagna all'Ucraina nella guerra con la Russia e la sua posizione sulla situazione a Gaza, chiedendo a Russia e Israele di rispettare il diritto internazionale, di cessare la violenza e di riconoscere il diritto all'esistenza di entrambi gli stati.

Ha anche sottolineato la necessità di supporto umanitario per Gaza.

Il Regno Unito e gli Stati Uniti, insieme ad altre nazioni occidentali, hanno espresso sostegno all'idea di creare uno stato palestinese come modo per risolvere il conflitto arabo-israeliano.

Allo stesso tempo, il Primo Ministro israeliano Benjamin Netanyahu non sostiene questa idea.

Il Ministro degli Esteri britannico ha dichiarato a febbraio la possibilità di riconoscere la Palestina dopo un cessate il fuoco a Gaza, indipendentemente dall'esito dei negoziati su uno stato binationale, contrariamente alle precedenti dichiarazioni del primo ministro britannico Rishi Sunak.

In precedenza, la camera bassa del parlamento spagnolo ha votato a favore dell'amnistia per i separatisti catalani, approvando la legge con 178 voti a favore e 172 contro, nonostante l'opposizione attiva da parte delle forze conservative.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Fuoco

Nella città polacca di Skarżysko-Kamienna si è verificata un'esplosione nello stabilimento Mesko, che ha causato un incendio. Un lavoratore è morto e un altro è rimasto ferito. È stata avviata un'indagine.

Kylian Mbappé

Kylian Mbappé, la superstar del calcio francese, ha firmato un contratto con il Real Madrid fino al 2029, ponendo fine a una saga di trasferimenti durata anni.

Proteste in Armenia

In Armenia sono iniziate proteste di massa a causa del trasferimento di quattro villaggi di confine all'Azerbaigian. La popolazione chiede le dimissioni del primo ministro Nikol Pashinyan.

Ipermercato Epicentro distrutto a Kharkiv

A Kharkiv, è stato spento un grande incendio nell'"Epicentro" dopo un attacco russo. 12 persone sono morte, 16 risultano disperse, 43 sono ferite.

Soldato AFU

Le Forze Armate dell'Ucraina (AFU) hanno respinto con successo gli attacchi nemici in diverse direzioni, subendo perdite minime e distruggendo una quantità significativa di equipaggiamenti e personale nemico.

chat
12
Bandiera della Palestina

Norvegia, Irlanda e Spagna riconoscono la Palestina come stato indipendente e questa decisione entrerà in vigore il 28 maggio, causando una reazione forte da parte di Israele

Sala dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite

L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha supportato lo status di Palestina, il Consiglio di Sicurezza deciderà definitivamente. USA e Israele si oppongono

Ellinikon

A Atene è iniziata la costruzione di Ellinikon — la più grande Smart City in Europa, che entro il Natale del 2026 diventerà la casa di 20.000 residenti

Xi Jinping

Il Presidente della Cina, Xi Jinping, effettuerà visite di stato in tre paesi europei, rafforzando i legami strategici, in particolare con la Francia

Re e Regina di Danimarca

In Danimarca è stato pubblicato il ritratto di gala ufficiale dei nuovi monarchi, adornato con regalie storiche