16.06.2024

La Banca del Giappone intende aumentare il tasso, rinunciando ai valori negativi

Per la prima volta dal 2007, la Banca del Giappone potrebbe aumentare il tasso di interesse, ponendo fine all'era dei tassi negativi e reagendo alla crescita dell'inflazione e dei salari

Oleksandr Budariev
Banca del Giappone
Banca del Giappone / Suicasmo, CC BY-SA 4.0 DEED

Dopo una riunione che durerà due giorni e si concluderà martedì, la Banca del Giappone, secondo quanto riportato da Nikkei, potrebbe decidere di aumentare il tasso di interesse chiave.

Questo sarebbe il primo passo del genere dal 2007 e porrebbe definitivamente fine alla politica dei tassi negativi in vigore dal febbraio 2016, riporta "Interfax-Ucraina".

Attualmente il tasso è a meno 0,1%, e la Banca del Giappone rimane l'unica banca centrale al mondo a sostenere un tasso negativo. Secondo le informazioni di Nikkei, il tasso potrebbe essere aumentato a un livello dello 0-0,1% annuo.

Il regolatore sta considerando la possibilità di cambiare la sua politica monetaria in risposta a un'inflazione stabile superiore al 2% e al recente significativo aumento dei salari nel paese, concordato dalle grandi corporazioni e dai sindacati.

In particolare, la scorsa settimana Rengo, la più grande federazione sindacale del Giappone, ha annunciato aumenti salariali del 5,28% nelle grandi aziende e del 4,42% nelle piccole, segnando l'aumento più elevato degli ultimi 33 anni.

"Shunto" – le trattative salariali primaverili tra sindacati e imprese, tradizionalmente fungono da indicatore per la futura crescita dei prezzi al consumo.

Il capo della Banca del Giappone, Kazuo Ueda, ha precedentemente sottolineato che i risultati di queste trattative saranno un fattore importante nella decisione sul tasso di interesse.

Di recente, ha evidenziato in parlamento che la banca sta attentamente monitorando la dinamica della crescita dei salari e dell'inflazione, il che potrebbe indicare la volontà di abbandonare la politica dei tassi negativi.

Fonti interne alla Banca del Giappone hanno riferito a Nikkei che anche i membri più conservatori della direzione sono inclini a cambiare politica alla luce del significativo aumento dei salari.

Inoltre, dopo aver abbandonato i tassi negativi, la banca centrale potrebbe cessare di controllare il rendimento dei titoli di stato decennali – un elemento chiave della sua politica di stimolo, fissando il livello massimo di rendimento all'1% annuo.

In precedenza, Janet Yellen ha espresso dubbi sul fatto che i tassi di interesse negli USA possano tornare ai livelli osservati prima della pandemia, indicando l'inflazione e l'aumento del rendimento dei titoli come principali ostacoli.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Quotazioni di mercato

Nonostante il calo del PMI in Italia e nel Regno Unito, gli indici azionari europei hanno chiuso la giornata in rialzo, grazie ai cambiamenti positivi in altri paesi e alle aspettative di tagli dei tassi della BCE.

Grafico dei tassi di cambio

Il dollaro USA si è rafforzato nei confronti dell'euro e della sterlina in vista delle aspettative della Fed, stabile rispetto allo yen; l'indice DXY è in crescita

Oro

I prezzi dell'oro hanno superato i $2400 per oncia, la crescita continuerà a causa dei rischi geopolitici

Joachim Nagel

Joachim Nagel prevede una riduzione del tasso di interesse chiave della BCE a giugno, nonostante i rischi per l'euro

La Riserva Federale

La Fed lascia invariato il tasso chiave, mirando a ridurre l'inflazione e a sostenere l'occupazione

Crescita degli indici azionari

I mercati azionari europei crescono in attesa di tre tagli ai tassi della Federal Reserve degli Stati Uniti quest'anno, Stoxx 600 sale dello 0,6%

Banca d'Inghilterra

La Banca d'Inghilterra ha mantenuto il tasso di interesse al 5,25%, in attesa di una riduzione dell'inflazione sotto il 2% a breve

Case in Svizzera

In Svizzera solo il 36% delle famiglie possiede un'abitazione; l'affitto medio per un appartamento di 4 locali supera i 1600 franchi

Dollari USA

Alla vigilia della riunione della Fed, il dollaro si rafforza rispetto alle principali valute mondiali, il mercato si aspetta il mantenimento del tasso senza cambiamenti

Edificio della Banca di Riserva dell'Australia

La Banca di Riserva dell'Australia non ha modificato il tasso chiave, lasciandolo al 4,35%. La decisione è in linea con le previsioni degli analisti