22.06.2024 Italia
850 giorno dall'invasione barbarica dell'Ucraina

La Lituania rafforza il controllo sull'importazione di grano dalla Russia e dai territori occupati

La Lituania inasprisce i controlli sull'importazione di grano dalla Russia e dai territori occupati dopo le dichiarazioni dell'Ucraina sull'esportazione illegale

Oleksandr Budariev
Grano
Grano, foto illustrativa / pixabay.com

La Lituania ha inasprito i controlli sull'importazione di grano dalla Russia, dai territori temporaneamente occupati dell'Ucraina e da altri paesi considerati ad alto rischio. Lo riporta il sito del Ministero dell'Agricoltura della Lituania.

Tali misure sono state adottate in risposta alle dichiarazioni del ministro dell'Agricoltura ucraino, Mykola Solsky, secondo cui la Russia guadagna esportando grano dai territori ucraini occupati.

Dal 18 marzo, verranno prelevati campioni da ogni partita di grano importato da queste regioni.

L'elenco dei paesi ad alto rischio include ora la Russia, i territori occupati dell'Ucraina, la Bielorussia, la Transnistria non riconosciuta e le regioni occupate dalla Georgia, l'Abkhazia e l'Ossezia del Sud.

Questo è solo il primo passo delle misure, e in futuro la Lituania prevede di verificare anche l'origine del grano in transito.

Kęstutis Navickas, ministro dell'Agricoltura della Lituania, ha dichiarato che la Russia non dovrebbe avere la possibilità di utilizzare l'infrastruttura lituana per trarre profitto dalla vendita di grano ucraino.

In precedenza, Donald Tusk aveva proposto all'Unione Europea di vietare l'importazione di prodotti agricoli dalla Russia e dalla Bielorussia in risposta alle loro azioni in Ucraina.

Anche la Svizzera ha intensificato la pressione sanzionatoria sulla Russia, sincronizzando le sue misure con il 13° pacchetto di sanzioni dell'Unione Europea.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Partecipanti al Vertice di pace in Svizzera

Al vertice in Svizzera si è discusso dei percorsi verso la pace in Ucraina, si è confermata l'adesione al diritto internazionale e si è fatto appello alla navigazione sicura e al rilascio dei prigionieri di guerra.

Fuoco

Nella città polacca di Skarżysko-Kamienna si è verificata un'esplosione nello stabilimento Mesko, che ha causato un incendio. Un lavoratore è morto e un altro è rimasto ferito. È stata avviata un'indagine.

Quotazioni di mercato

Nonostante il calo del PMI in Italia e nel Regno Unito, gli indici azionari europei hanno chiuso la giornata in rialzo, grazie ai cambiamenti positivi in altri paesi e alle aspettative di tagli dei tassi della BCE.

Proteste in Armenia

In Armenia sono iniziate proteste di massa a causa del trasferimento di quattro villaggi di confine all'Azerbaigian. La popolazione chiede le dimissioni del primo ministro Nikol Pashinyan.

Soldato AFU

Le Forze Armate dell'Ucraina (AFU) hanno respinto con successo gli attacchi nemici in diverse direzioni, subendo perdite minime e distruggendo una quantità significativa di equipaggiamenti e personale nemico.

chat
14