22.06.2024 Italia
850 giorno dall'invasione barbarica dell'Ucraina

Gli indici americani crescono: la Fed e le notizie aziendali alimentano l'interesse

Gli indici negli USA crescono in attesa della riunione della Fed e delle notizie dalle grandi aziende

Oleksandr Budariev
Il Toro di Wall Street
Il Toro di Wall Street / pixabay.com

Lunedì 19 marzo, il mercato azionario americano ha chiuso in positivo, stimolato dalle aspettative sui risultati dell'imminente riunione del Sistema di Riserva Federale (Fed) e dalle notizie provenienti dalle principali aziende.

Gli investitori hanno seguito attentamente la situazione, prevedendo che la Fed, molto probabilmente, non modificherà il tasso di interesse chiave, mantenendolo al livello del 5,25-5,5% almeno fino a giugno, riporta "Interfax-Ucraina".

Questa conclusione è supportata dalle valutazioni del mercato dei futures, che attualmente attribuiscono circa il 55% di probabilità a una riduzione dei tassi a giugno, mentre un mese fa questa probabilità era valutata quasi all'80%.

Le azioni dei giganti tecnologici, come Apple e Alphabet, hanno visto un notevole aumento di prezzo dopo le notizie di una possibile integrazione dell'intelligenza artificiale nei prodotti Apple, mentre anche le azioni di Nvidia e Tesla hanno registrato significativi incrementi.

Al contrario, le azioni di Pfizer hanno perso valore a seguito dei piani di vendere una quota significativa in Haleon.

Inoltre, Cisco Systems ha segnalato un aumento della capitalizzazione di mercato dopo l'annuncio della conclusione dell'acquisto di Splunk.

Il Dow Jones Industrial Average è aumentato dello 0,2%, lo Standard & Poor's 500 è cresciuto dello 0,63%, e il Nasdaq Composite è salito dello 0,82%, mostrando l'ottimismo degli investitori in vista dei risultati della riunione della Fed e analizzando le ultime notizie aziendali e le prospettive sul mercato immobiliare.

In precedenza, era stato riportato che la Banca del Giappone sta considerando la possibilità di aumentare il tasso di interesse per la prima volta dal 2007, segnalando la fine del periodo di tassi negativi e reagendo all'aumento dell'inflazione e dei salari nel paese.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Quotazioni di mercato

Nonostante il calo del PMI in Italia e nel Regno Unito, gli indici azionari europei hanno chiuso la giornata in rialzo, grazie ai cambiamenti positivi in altri paesi e alle aspettative di tagli dei tassi della BCE.

Grafico dei tassi di cambio

Il dollaro USA si è rafforzato nei confronti dell'euro e della sterlina in vista delle aspettative della Fed, stabile rispetto allo yen; l'indice DXY è in crescita

Oro

I prezzi dell'oro hanno superato i $2400 per oncia, la crescita continuerà a causa dei rischi geopolitici

David Petraeus

Secondo il generale Petraeus, l'Ucraina è in grado di fermare l'offensiva russa e iniziare un contrattacco a condizione di ricevere assistenza militare dagli Stati Uniti

Joachim Nagel

Joachim Nagel prevede una riduzione del tasso di interesse chiave della BCE a giugno, nonostante i rischi per l'euro