15.06.2024

Il dollaro cresce rispetto alle principali valute in attesa delle decisioni della Fed

Alla vigilia della riunione della Fed, il dollaro si rafforza rispetto alle principali valute mondiali, il mercato si aspetta il mantenimento del tasso senza cambiamenti

Interfax-Ukraine
Dollari USA
Dollari USA, foto illustrativa / pixabay.com

Alla vigilia della nuova riunione del Sistema di Riserva Federale (Fed) degli Stati Uniti, prevista per il 19-20 marzo, il dollaro USA mostra una crescita rispetto all'euro, alla sterlina britannica e allo yen.

Gli esperti ed economisti prevedono che la Fed manterrà l'attuale livello del tasso di interesse sui fondi federali nella fascia del 5,25-5,5% annuo.

Tale tasso è il massimo degli ultimi 22 anni e non è cambiato da luglio dello scorso anno.

All'inizio dell'anno, le possibilità di una riduzione del tasso a marzo erano valutate al 50 per 50, ma a causa dell'inflazione stabile, la Fed posticipa l'inizio dell'allentamento della politica monetaria.

I mercati si aspettano tre riduzioni del tasso di 25 punti base nel 2024, in linea con le previsioni della Fed annunciate alla fine dello scorso anno, sebbene gli analisti non escludano che ci saranno solo due tagli.

Il tasso di cambio attuale dell'euro rispetto al dollaro è di $1,0854, inferiore a $1,0872 al momento della chiusura della precedente sessione di trading. La sterlina è scambiata contro il dollaro a un tasso di $1,2701, scendendo da $1,2728. E il tasso di cambio del dollaro rispetto allo yen è salito a 150,58 da 149,16, nonostante il cambiamento della politica dei tassi della Banca del Giappone.

La Banca del Giappone ha aumentato per la prima volta dal 2007 il tasso di interesse chiave, stabilendo un intervallo per il tasso di interesse a breve termine sui depositi delle banche commerciali dallo 0% allo 0,1% invece del precedente -0,1%. Dal 2016, il regolatore giapponese ha mantenuto il tasso a un livello negativo.

Inoltre, la Banca del Giappone ha annunciato la fine del controllo della resa sui bond decennali, precedentemente mantenuta attorno allo 0% con la possibilità di oscillazioni fino all'1%.

La decisione e i commenti della Banca del Giappone sono stati accolti dal mercato come troppo morbidi, portando a una diminuzione del valore dello yen.

In precedenza, secondo le aspettative degli analisti, la Banca di Riserva dell'Australia ha deciso di mantenere il tasso di interesse chiave al livello precedente del 4,35%, senza apportare modifiche.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Quotazioni di mercato

Nonostante il calo del PMI in Italia e nel Regno Unito, gli indici azionari europei hanno chiuso la giornata in rialzo, grazie ai cambiamenti positivi in altri paesi e alle aspettative di tagli dei tassi della BCE.

Grafico dei tassi di cambio

Il dollaro USA si è rafforzato nei confronti dell'euro e della sterlina in vista delle aspettative della Fed, stabile rispetto allo yen; l'indice DXY è in crescita

Oro

I prezzi dell'oro hanno superato i $2400 per oncia, la crescita continuerà a causa dei rischi geopolitici

Oro

L'oro continua a salire, raggiungendo $2276,9 per oncia in attesa dei tagli ai tassi di interesse della Federal Reserve

Joachim Nagel

Joachim Nagel prevede una riduzione del tasso di interesse chiave della BCE a giugno, nonostante i rischi per l'euro

David Petraeus

Secondo il generale Petraeus, l'Ucraina è in grado di fermare l'offensiva russa e iniziare un contrattacco a condizione di ricevere assistenza militare dagli Stati Uniti

La Riserva Federale

La Fed lascia invariato il tasso chiave, mirando a ridurre l'inflazione e a sostenere l'occupazione

Banca d'Inghilterra

La Banca d'Inghilterra ha mantenuto il tasso di interesse al 5,25%, in attesa di una riduzione dell'inflazione sotto il 2% a breve

Crescita degli indici azionari

I mercati azionari europei crescono in attesa di tre tagli ai tassi della Federal Reserve degli Stati Uniti quest'anno, Stoxx 600 sale dello 0,6%

Generale Patrick Ryder

Gli Stati Uniti riconoscono il rischio di peggioramento della situazione in Ucraina a causa dei ritardi nell'assistenza e sottolineano il coraggio degli ucraini nella lotta