22.06.2024 Italia
850 giorno dall'invasione barbarica dell'Ucraina

La Banca d'Inghilterra mantiene il tasso al 5,25%, in attesa di una riduzione dell'inflazione

La Banca d'Inghilterra ha mantenuto il tasso di interesse al 5,25%, in attesa di una riduzione dell'inflazione sotto il 2% a breve

Interfax-Ukraine
Banca d'Inghilterra
Banca d'Inghilterra / acediscovery, CC BY 4.0 DEED

Oggi, nella riunione, la Banca d'Inghilterra ha deciso di non modificare il tasso di interesse di base, lasciandolo al 5,25%.

Questo è il massimo dal 2008, che rimane invariato da settembre, dopo 14 aumenti consecutivi. Le aspettative degli analisti e del mercato sono state soddisfatte.

Dei nove membri del Comitato per la Politica Monetaria (MPC), solo Swati Dhingra, nota per la sua posizione accomodante, ha votato per una riduzione di 25 punti base.

La crescita dei prezzi al consumo a febbraio si è rallentata al 3,4% su base annua, il minimo da settembre 2021.

Anche l'inflazione di base è diminuita al 4,5%. Si prevede che l'inflazione scenderà sotto il 2% nel secondo trimestre, per poi aumentare leggermente.

La banca sottolinea la necessità di mantenere una rigorosa politica monetaria per stabilizzare l'inflazione al 2%.

Il Comitato per la Politica Monetaria non esclude aggiustamenti della politica per raggiungere questo obiettivo, monitorando attentamente gli indicatori economici.

La prossima riunione, prevista per il 9 maggio, porterà nuove previsioni economiche.

Il mercato si aspetta una riduzione dei tassi in agosto. Il tasso di cambio sterlina/dollaro è leggermente diminuito, mentre l'indice azionario FTSE 100 è cresciuto dell'1,5%.

In precedenza, il Sistema di Riserva Federale (Fed) ha confermato la sua decisione di mantenere il tasso di interesse chiave al livello precedente del 5,25-5,5%, in linea con le aspettative del mercato, con l'obiettivo di controllare contemporaneamente l'inflazione e mantenere il livello di occupazione.

Anche la Banca di Riserva dell'Australia ha deciso di mantenere il tasso di interesse chiave al 4,35%, soddisfacendo così le aspettative degli analisti e non apportando modifiche alla politica monetaria corrente.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Quotazioni di mercato

Nonostante il calo del PMI in Italia e nel Regno Unito, gli indici azionari europei hanno chiuso la giornata in rialzo, grazie ai cambiamenti positivi in altri paesi e alle aspettative di tagli dei tassi della BCE.

Il Primo Ministro del Regno Unito Rishi Sunak

Rishi Sunak intende annunciare un aiuto militare all'Ucraina di 3 miliardi di sterline durante una visita ufficiale in Polonia

Grafico dei tassi di cambio

Il dollaro USA si è rafforzato nei confronti dell'euro e della sterlina in vista delle aspettative della Fed, stabile rispetto allo yen; l'indice DXY è in crescita

Oro

I prezzi dell'oro hanno superato i $2400 per oncia, la crescita continuerà a causa dei rischi geopolitici

Joachim Nagel

Joachim Nagel prevede una riduzione del tasso di interesse chiave della BCE a giugno, nonostante i rischi per l'euro