15.06.2024

La BCE sta considerando una riduzione del tasso a giugno, avverte il capo della Bundesbank

Joachim Nagel prevede una riduzione del tasso di interesse chiave della BCE a giugno, nonostante i rischi per l'euro

Interfax-Ukraine
Joachim Nagel
Joachim Nagel / INSM, CC BY-ND 2.0 DEED

Joachim Nagel, che ricopre la posizione di capo della Bundesbank ed è membro del consiglio direttivo della BCE, ha espresso venerdì l'opinione che le possibilità di una riduzione del tasso di interesse chiave della Banca Centrale Europea nel prossimo futuro siano in aumento.

Secondo le sue previsioni, è più probabile che la riduzione del tasso avvenga a giugno, piuttosto che nella prossima riunione di aprile.

Questa opinione è in linea con le posizioni precedentemente espresse dalla presidente della BCE Christine Lagarde e altri importanti rappresentanti della banca.

Nagel ha anche sottolineato che non si dovrebbe aspettare che a una prima riduzione seguano ulteriori diminuzioni consecutive del tasso, e ha avvertito contro una riduzione troppo rapida del costo dei prestiti.

Ha menzionato che non tutto può procedere senza intoppi fino alla fine dell'anno.

Inoltre, Nagel ha indicato la possibilità di un indebolimento dell'euro rispetto al dollaro USA e il rischio di un aumento dell'inflazione in caso di riduzione del tasso da parte della BCE, anche se il Sistema di Riserva Federale degli Stati Uniti non dovesse adottare misure simili.

In precedenza, in attesa di una rapida discesa dell'inflazione sotto il 2%, la Banca d'Inghilterra ha deciso di mantenere il tasso di interesse al livello del 5,25%.

Allo stesso modo, in linea con le aspettative del mercato e mirando a ridurre l'inflazione pur sostenendo l'occupazione, il Sistema di Riserva Federale (Fed) ha deciso di mantenere il tasso di interesse chiave invariato al 5,25-5,5%.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Pallone da calcio

Nella prima partita di Euro 2024, la Germania ha travolto la Scozia con un punteggio di 5:1. Fin dai primi minuti, i tedeschi hanno dominato, concludendo la partita con una vittoria convincente.

Quotazioni di mercato

Nonostante il calo del PMI in Italia e nel Regno Unito, gli indici azionari europei hanno chiuso la giornata in rialzo, grazie ai cambiamenti positivi in altri paesi e alle aspettative di tagli dei tassi della BCE.

Grafico dei tassi di cambio

Il dollaro USA si è rafforzato nei confronti dell'euro e della sterlina in vista delle aspettative della Fed, stabile rispetto allo yen; l'indice DXY è in crescita

Oro

I prezzi dell'oro hanno superato i $2400 per oncia, la crescita continuerà a causa dei rischi geopolitici

Smartphone con app Instagram

Meta Platforms ha presentato una funzione per ridurre i contenuti politici su Instagram e Threads

chat
11
La Riserva Federale

La Fed lascia invariato il tasso chiave, mirando a ridurre l'inflazione e a sostenere l'occupazione

Crescita degli indici azionari

I mercati azionari europei crescono in attesa di tre tagli ai tassi della Federal Reserve degli Stati Uniti quest'anno, Stoxx 600 sale dello 0,6%

Banca d'Inghilterra

La Banca d'Inghilterra ha mantenuto il tasso di interesse al 5,25%, in attesa di una riduzione dell'inflazione sotto il 2% a breve

Case in Svizzera

In Svizzera solo il 36% delle famiglie possiede un'abitazione; l'affitto medio per un appartamento di 4 locali supera i 1600 franchi

Banca del Giappone

Per la prima volta dal 2007, la Banca del Giappone potrebbe aumentare il tasso di interesse, ponendo fine all'era dei tassi negativi e reagendo alla crescita dell'inflazione e dei salari