15.06.2024

Il dollaro si rafforza nei confronti dell'euro e della sterlina, stabile rispetto allo yen

Il dollaro USA si è rafforzato nei confronti dell'euro e della sterlina in vista delle aspettative della Fed, stabile rispetto allo yen; l'indice DXY è in crescita

Interfax-Ukraine
Grafico dei tassi di cambio
Grafico dei tassi di cambio, foto illustrativa / Adam Śmigielski, Unsplash

Venerdì, nei mercati valutari, il dollaro americano si è rafforzato contro l'euro e la sterlina britannica, ma è rimasto invariato rispetto allo yen giapponese.

Il tasso di cambio dell'euro rispetto al dollaro è sceso a $1,0708 da $1,0728, registrato alla chiusura di giovedì.

Anche la sterlina britannica ha perso valore, scendendo a $1,2539 da $1,2552.

Allo stesso tempo, il tasso di cambio del dollaro rispetto allo yen è rimasto praticamente invariato, attestandosi a 153,23 yen rispetto ai 153,28 yen del giorno precedente.

L'indice DXY, che monitora la dinamica del dollaro rispetto a un paniere di sei valute, inclusi euro, franco svizzero, dollaro canadese, sterlina britannica, corona svedese e yen, è aumentato dello 0,14%.

Il più ampio indice WSJ Dollar Index ha anche mostrato un aumento dello 0,12%.

Le aspettative riguardo a un allentamento graduale della politica monetaria della Federal Reserve (Fed) degli Stati Uniti sostengono il dollaro. Queste supposizioni sono basate sulla stabilità dell'inflazione negli USA.

Allo stesso tempo, la Banca Centrale Europea (BCE) ha inviato segnali di possibili tagli ai tassi, lasciando inalterati i tassi di interesse chiave nell'ultima riunione.

In Germania, il tasso di crescita dell'inflazione, armonizzato con gli standard dell'Unione Europea, ha rallentato ai minimi degli ultimi quattro mesi, registrando il 2,3% su base annua, rispetto al 2,7% del mese precedente, secondo i dati dell'Ufficio Federale di Statistica (Destatis).

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Quotazioni di mercato

Nonostante il calo del PMI in Italia e nel Regno Unito, gli indici azionari europei hanno chiuso la giornata in rialzo, grazie ai cambiamenti positivi in altri paesi e alle aspettative di tagli dei tassi della BCE.

Oro

I prezzi dell'oro hanno superato i $2400 per oncia, la crescita continuerà a causa dei rischi geopolitici

Joachim Nagel

Joachim Nagel prevede una riduzione del tasso di interesse chiave della BCE a giugno, nonostante i rischi per l'euro

La Riserva Federale

La Fed lascia invariato il tasso chiave, mirando a ridurre l'inflazione e a sostenere l'occupazione

Banca d'Inghilterra

La Banca d'Inghilterra ha mantenuto il tasso di interesse al 5,25%, in attesa di una riduzione dell'inflazione sotto il 2% a breve

Crescita degli indici azionari

I mercati azionari europei crescono in attesa di tre tagli ai tassi della Federal Reserve degli Stati Uniti quest'anno, Stoxx 600 sale dello 0,6%

Case in Svizzera

In Svizzera solo il 36% delle famiglie possiede un'abitazione; l'affitto medio per un appartamento di 4 locali supera i 1600 franchi

Banca del Giappone

Per la prima volta dal 2007, la Banca del Giappone potrebbe aumentare il tasso di interesse, ponendo fine all'era dei tassi negativi e reagendo alla crescita dell'inflazione e dei salari

Edificio della Banca di Riserva dell'Australia

La Banca di Riserva dell'Australia non ha modificato il tasso chiave, lasciandolo al 4,35%. La decisione è in linea con le previsioni degli analisti

Dollari USA

Alla vigilia della riunione della Fed, il dollaro si rafforza rispetto alle principali valute mondiali, il mercato si aspetta il mantenimento del tasso senza cambiamenti