15.06.2024

Le forze ucraine hanno respinto gli attacchi degli occupanti nella regione di Kharkiv e hanno rafforzato la difesa nei settori chiave

Le Forze Armate dell'Ucraina (AFU) hanno respinto con successo gli attacchi nemici in diverse direzioni, subendo perdite minime e distruggendo una quantità significativa di equipaggiamenti e personale nemico.

Oleksandr Budariev
Soldato AFU
Soldato AFU / Foto: V_Zelenskiy_official / Telegram

Lo Stato Maggiore delle AFU ha riferito che sul fronte di Kharkiv le forze ucraine hanno respinto con successo tre tentativi di assalto da parte degli occupanti. È garantita una difesa stabile.

Due attacchi sono stati respinti nelle aree dei villaggi di Liptsy e Ternova, e vicino al villaggio di Lukyantsi i combattimenti continuano.

L'artiglieria e la fanteria ucraine infliggono perdite significative al nemico. Il 25 maggio gli occupanti hanno perso 179 persone, un carro armato, un veicolo corazzato da combattimento, tre sistemi di artiglieria e sei veicoli e attrezzature speciali.

Sul fronte di Kupyansk ci sono stati sei scontri, uno dei quali è stato respinto. I combattimenti continuano nelle aree di Synkivka, Novoyehorivka, Hrekivka, Nevske e Druzhkivka, la situazione è sotto controllo.

Sul fronte di Lyman, i soldati ucraini hanno respinto il tentativo del nemico di avanzare verso Nevske, le perdite del nemico sono in fase di chiarimento. Sul fronte di Kramatorsk non ci sono state azioni attive da parte del nemico.

Intensi combattimenti si svolgono sul fronte di Pokrovsk, dove le forze ucraine hanno respinto sei dei quattordici attacchi. I combattimenti continuano nelle aree di Novooleksandrivka, Kalynove, Sokol e Nevelske.

Sul fronte di Kurakhove è stato respinto un attacco degli occupanti nella zona di Kostyantynivka, mentre nella zona di Krasnohorivka il nemico continua le azioni offensive, ma la situazione è sotto controllo.

Sul fronte di Vremivka, vicino a Rozdolne e Staromayorske, due tentativi del nemico di migliorare la posizione tattica sono falliti. Sul fronte di Orikhiv continuano i combattimenti nella zona di Mala Tokmachka.

Sul fronte di Prydniprovske sono stati respinti due attacchi nemici nella zona del villaggio di Krynky sui ponti sul lato sinistro del Dnipro. Non ci sono state perdite di posizioni.

In altre direzioni non sono state registrate modifiche significative. Lo Stato Maggiore delle AFU ha sottolineato che le forze di difesa dell'Ucraina continuano a prendere tutte le misure necessarie per contenere l'offensiva nemica e stabilizzare la situazione.

Gli occupanti hanno effettuato oltre 140 attacchi, perdendo 1110 soldati in un giorno - Stato Maggiore delle AFU

Nelle ultime 24 ore le forze russe hanno condotto 141 scontri e hanno lanciato 10 attacchi missilistici contro le posizioni delle forze ucraine e degli insediamenti, utilizzando 13 missili.

Sono stati inoltre registrati 40 attacchi aerei e 1001 attacchi con droni kamikaze, di cui 994 droni FPV.

Inoltre, sono stati effettuati 3604 bombardamenti con varie armi, di cui 96 con sistemi di lancio multiplo. A seguito di questi attacchi ci sono morti e feriti tra la popolazione civile.

Le forze aeree ucraine e l'artiglieria hanno colpito negli ultimi giorni due posti di comando, tre aree di concentrazione del personale e una stazione di guerra elettronica nemica.

Le perdite complessive delle truppe russe in un giorno sono state di 1110 persone tra morti e feriti, oltre a 12 carri armati, 17 veicoli corazzati da combattimento, 24 sistemi di artiglieria, un sistema di lancio multiplo, un Su-25, 11 UAV, 31 veicoli e sette unità di attrezzature speciali.

Dall'inizio della giornata in corso ci sono stati 35 scontri sui fronti. Gli occupanti hanno effettuato 529 bombardamenti delle posizioni delle truppe ucraine e degli insediamenti, oltre a tre attacchi aerei con l'uso di bombe guidate.

Nella notte del 26 maggio 2024 le truppe russe hanno effettuato un attacco missilistico e aereo sull'Ucraina utilizzando 14 missili lanciati dall'aria e oltre tre dozzine di droni d'attacco. Nel corso del combattimento di difesa aerea, le forze ucraine hanno abbattuto 12 missili da crociera e 31 droni d'attacco.

Gli obiettivi aerei sono stati distrutti nelle regioni di Mykolaiv, Odessa, Dnipropetrovsk, Poltava, Zaporizhzhia, Khmelnytskyi, Kirovohrad, Vinnytsia e Chernihiv.

Promemoria:

Commenti
Leggi anche
Fuoco

Nella città polacca di Skarżysko-Kamienna si è verificata un'esplosione nello stabilimento Mesko, che ha causato un incendio. Un lavoratore è morto e un altro è rimasto ferito. È stata avviata un'indagine.

Proteste in Armenia

In Armenia sono iniziate proteste di massa a causa del trasferimento di quattro villaggi di confine all'Azerbaigian. La popolazione chiede le dimissioni del primo ministro Nikol Pashinyan.

Ipermercato Epicentro distrutto a Kharkiv

A Kharkiv, è stato spento un grande incendio nell'"Epicentro" dopo un attacco russo. 12 persone sono morte, 16 risultano disperse, 43 sono ferite.

Bandiera della Palestina

Norvegia, Irlanda e Spagna riconoscono la Palestina come stato indipendente e questa decisione entrerà in vigore il 28 maggio, causando una reazione forte da parte di Israele

Sala dell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite

L'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha supportato lo status di Palestina, il Consiglio di Sicurezza deciderà definitivamente. USA e Israele si oppongono

Ellinikon

A Atene è iniziata la costruzione di Ellinikon — la più grande Smart City in Europa, che entro il Natale del 2026 diventerà la casa di 20.000 residenti

Xi Jinping

Il Presidente della Cina, Xi Jinping, effettuerà visite di stato in tre paesi europei, rafforzando i legami strategici, in particolare con la Francia

Re e Regina di Danimarca

In Danimarca è stato pubblicato il ritratto di gala ufficiale dei nuovi monarchi, adornato con regalie storiche

Il Primo Ministro del Regno Unito Rishi Sunak

Rishi Sunak intende annunciare un aiuto militare all'Ucraina di 3 miliardi di sterline durante una visita ufficiale in Polonia

Incendio a Copenhagen

A Copenhagen sta bruciando l'edificio storico della borsa del XVII secolo; i residenti locali cercano di salvare opere d'arte